cura dell'emicrania

cura emicrania

L’emicrania caratterizza attacchi ricorrenti di cefalea variabili nella frequenza, nella loro durata ed intensità.

Sintomi. Dolore pulsante che colpisce più frequentemente un lato del capo (tempia, occhio, fronte), ma può essere anche bilaterale o iniziare in regione occipitale con successiva diffusione l resto del capo, nausea, vomito, intolleranza ai rumori (fotofobia), alla luce (fotofobia) agli odori (osmofobia). Questi sintomi potranno essere presenti tutti o in parte (quattro su sei).

Una familiarità per emicrania è presente nel 70% dei pazienti, le donne ne soffrono più degli uomini (3:1).

L’insorgenza dell’attacco è favorita dallo stress, dal ciclo mestruale, da alcuni alimenti che incidono sulla vasodilatazione (cioccolato, alcool, formaggi, frutta secca), da farmaci, dal vento, dal freddo, da odori intensi.

Si distingue l’emicrania senza aura che corrisponde sostanzialmente ai sintomi descritti precedentemente e l’emicrania con aura in cui il dolore è preceduto da sintomi visivi (scintille, oscurità del campo visivo, ecc), o neurologici (parestesie, emiparesi fugace, turbe del linguaggio, ecc), a volte caduta improvvisa prima della crisi (cefalea sincopale).

 

Cause dell’emicrania: attualmente si ritiene l’emicrania una patologia che coinvolge il sistema trigeminovascolare ed un gene (tuttora da scoprire) che agisca , attraverso il nucleo soprachiasmatico, sui ritmi circadiani di uno o più neurotrasmettitori (5HT,NA, CGRP) o gruppi di neuroni (locus coeruleus, PAG) che consentono l’esplosione della crisi.

 

Trattamento: la crisi emicranica trova nell’uso dei triptani il trattamento più risolutivo: si tratta di farmaci agonisti del recettori 5-Ht1 ) recettori particolari della serotonina (5HT), neurotrasmettitore coinvolto nella patogenesi della patologia emicranica. Il trattamento profilattico è consigliato negli emicranici che hanno più di due crisi al mese; i farmaci più utilizzati sono i calcioantagonisti (in particolare la flunarizina), i betabloccanti, la metisergide, il valproato di sodio, il topiramato.

 

Fra i trattamenti alternativi, ma con risultati meno importanti si segnala l’uso del TMS (transcranic magnetic stimulation) Biofeedback, l’agopuntura, l’auricoloterapia, l’ipnosi.

CENTRO CEFALEE E NEUROPSICHIATRIA PROF. GIOVANNI D'ATTOMA | 23, Via De Sanctis Francesco - 72017 Ostuni (BR) - Italia | P.I. 01870310743 | Tel. +39 0831 308728   - Cell. +39 336 820244 | Fax. +39 0831 308728 | giovdat@libero.it | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite